Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Elio al Teatro Massimo di Palermo con la Kids Orchestra per Britten e Pierino e il lupo

PALERMO. Domenica 10 marzo alle ore 18.30 nella Sala Grande del Teatro Massimo primo appuntamento per la “Stagione Kids” del Teatro Massimo con uno spettacolo che vedrà come ospiti eccellenti Elio, protagonista già di tante incursioni nella musica classica sia con il gruppo Elio e le storie tese sia da solo, e Francesco Micheli, autore anche della drammaturgia dello spettacolo: in programma l’Introduzione di un giovane all’orchestra op.34 di Benjamin Britten e Pierino e il lupo di Sergej Prokofiev, due classici del Novecento pensati per presentare l’orchestra classica ai giovani ascoltatori, qui uniti in un’unica cornice. Con Elio e Francesco Micheli ci sarà la Massimo Kids Orchestra diretta da Michele De Luca. Uno spettacolo in cui Elio cercherà di intrufolarsi sul podio, “rubando” il ruolo al direttore d’orchestra, mentre Francesco Micheli, da profondo conoscitore della musica, cercherà di riportare l’ordine nel divertente scompiglio creato da Elio.

Elio

Si tratta del primo appuntamento della Stagione Kids del Teatro Massimo, composta da tre concerti, un’opera e un balletto che coinvolgono le formazioni Kids del Teatro Massimo: Massimo Kids Orchestra, Coro di voci bianche, Coro Arcobaleno e Cantoria, che raccolgono in totale più di 200 giovanissimi musicisti e cantanti, a partire dai 7 anni d’età.

Prossimo appuntamento il 26 maggio alle ore 18.30 in Sala Grande per un concerto con musiche di autori francesi (Francis Poulenc, Camille Saint-Saëns, Gabriel Faurè e Maurice Ravel) sempre sotto la direzione di Michele De Luca, con la Massimo Kids Orchestra e Cantoria e Coro di voci bianche del Teatro Massimo diretti da Salvatore Punturo.

Biglietti da 25 a 10 euro, riduzione per i possessori di Card Under 35 e per i giovani che hanno meno di 18 anni.

La biglietteria del Teatro Massimo è aperta dal martedì alla domenica dalle ore 9.30 alle ore 18.00 e nei giorni di spettacolo a partire da un’ora prima e fino a mezz’ora dopo l’inizio.

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.