Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

È arrivato il sole

Buondì mie care, come procede la vostra vita? Finalmente è arrivato il sole anche nella nostra splendida città e speriamo che l’alzarsi delle temperature porti anche un po’ di serenità in più visti i riscontri della terribile crisi sugli umori di tutti. Premessa fatta andiamo a noi, perché avrete sicuramente già capito dove voglio andare a parare.

Con l’alzarsi delle temperature infatti, ci si inizia a svestire. Quindi, prossimi a mettere da parte piumini e tutta la lana presente nei nostri armadi, andiamo a vedere cosa la moda ci propone a riguardo.

Quest’anno a differenza dei precedenti, a guardare le sfilate delle grandi firme si direbbe che ognuno abbia fatto completamente di testa sua introducendo una “tematica” alla propria collezione. Manca quell’unità che ha caratterizzato gli anni precedenti e il 2012, rivisitati gli anni ’50, un’epoca d’oro sulla quale molti stilisti si sono concentrati e tra tutti come non citare la rivisitazione in tema di Prada, non hanno disertato le passerelle neanche gli Anni ‘70 condensati in outfit e accessori di grande forza evocativa.

E dai grandi decenni del Ventesimo secolo passiamo poi alle vere e proprie tendenze. Tra le più affascinanti, da segnalare anche decori e stampe, ideali per regalare emozioni e riportare alla memoria ricordi di viaggi e culture lontane (vedi le varie interpretazioni creative proposte da Etro a Burberry Prorsum). Per le più avventurose poi c’è sempre il Far West. Ovviamente tutte tendenze facili da riproporre in versione low cost.

Sembra che ce lo

suggerisca lo stesso mondo della moda. Infatti, per quanto riguarda gli accessori a farla da padrone sarà l’idea di rinnovare o trasformare un outfit anche piuttosto semplice in un look eclatante grazie anche ad un solo accessorio, ricorrendo a bjoux colorati di grande impatto scenografico. In questo caso il risparmio è assicurato, ma l’importante è cercare di non cadere nel vortice dell’accessorio trash.

Queste le linee guida per affrontare con stile il ritorno della bella stagione, ma prima di congedarmi, vi descrivo una fashion killer fresca di giornata.

Parliamo di una ragazza di circa 18 anni che visto l’arrivo dei primi raggi di sole ha giustamente pensato fosse il momento di prepararsi per la fatidica prova bikini che ci attenderà fra qualche mese (gesto di per sé giustissimo) andando a correre. Ma, e c’è sempre un ma, l’outfit sportivo che ha scelto era quanto di più sbagliato: leggins nero trasparente con buco infra-coscia che, capisco l’arrivo del caldo(e viste anche le pubblicità a volte fraintendibili come “La scarpa che respira” e varie..) però diciamo che il pantalone con presa d’aria è qualcosa di eccessivamente innovativo…

La t-shirt indossata sopra non aveva niente di male in sé se non la lunghezza o, meglio, la “cortezza” che, abbinata ad un indumento come il leggins che non nasce come pantalone (e ancora peggio se leggermente trasparente) rende il tutto un’accoppiata davvero pessima. Diciamo che quest’amante della corsa avrebbe fatto prima ad indossare direttamente il costume perché non aveva lasciato nulla all’immaginazione.

Bene mie care, anche per questa settimana è tutto. E buona corsa a chi ne ha voglia.