Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Denise, rivelazioni choc. La sorellastra Jessica: “A mamma l’ha uccisa”

Denise Pipitone, scomparsa 10 anni fa
Denise Pipitone, scomparsa 10 anni fa

“Quanno eramu ‘ncasa, a mamma l’ha uccisa a Denise”. Rivelazioni choc sulla scomparsa della piccola Denise Pipitone, sparita l’1 settembre 2004 a Mazara del Vallo, in provincia di Trapani.

Durante l’udienza di oggi è stata riferita in aula dal perito Massimo Mendolia in Corte d’Appello di Palermo un’intercettazione ambientale dell’11 ottobre 2004.

La sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, dice infatti alla sorella minore Alice, mentre entrambe sono a casa della madre Anna Corona, “Quanno eramu ‘ncasa, a mamma l’ha uccisa a Denise”, riferendosi alla mamma della sorellastra, Piera Maggio.

Alice le chiede: “A mamma l’ha uccisa a Denise?”. Jessica le risponde: “Tu di ‘sti cosi unn’ha parlari” e Alice: “E’ logico”.

Mendolìa ha avuto l’incarico di trascrivere parte delle numerose intercettazioni effettuate subito dopo la scomparsa. Proprio l’11 settembre 2004 Alice avrebbe dovuto essere interrogata a Marsala, in Procura.

Secondo il consulente della difesa la frase di Jessica non si sente e l’affermazione “Tu di ‘sti cosi unn’ha parlari” si riferirebbe a qualcos’altro. “La frase che avrebbe pronunciato Jessica -ammette l’avvocato Giacomo Frazzitta, il legale della mamma di Denise, Piera Maggio- è molto inquietante”.

La frase, detta a voce bassissima, è stato possibile sentirla e trascriverla solo dopo la pulitura dei nastri delle intercettazioni. Prossima udienza il 16 gennaio 2015, quando sarà ascoltata Alice Pulizzi.

Elio Granlombardo

Ama visceralmente la Sicilia e non si rassegna alla politica calata dall’alto. La “sua” politica è quella con la “P” maiuscola e non permette a nessuno di dimenticarlo. Per Sicilians segue l'agorà messinese, ma di tanto in tanto si spinge fino a Palermo per seguire le vicende regionali di un settore sempre più incomprensibile e ripiegato su se stesso. Non sopporta di essere fotografato e, neanche a dirlo, il suo libro preferito è “Conversazione in Sicilia” di Elio Vittorini.