Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Dalla Regione 420 milioni anche per enti locali e rifiuti

Beni Culturali e Turismo, imprese che operano nel settore della raccolta rifiuti, cassa integrazione, trasferimenti agli enti locali e programmi di forestazione. Immancabile anche la formazione.

Così la Giunta Lombardo, riunita a Palermo dalle 10 di stamane, ha deciso di ripartire 420 milioni di euro per fronteggiare le principali emergenze dell’economia siciliana.

L’esecutivo regionale, che ha varato un piano per assegnare le risorse, ha previsto anche una quota per affrontare la crisi delle imprese.

Grazie all’accordo siglato la settimana scorsa con il governo nazionale, che ha riconosciuto alla Sicilia il primato in Italia rispetto all’attuazione di un percorso di revisione della spesa, l’amministrazione regionale ha avuto il via libera per sforare i plafond del Patto di Stabilità per oltre 600 milioni di euro.

Ovviamente, sono somme già previste dal bilancio regionale e parte di questi fondi, intorno ai 180 milioni di euro, è vincolata all’accordo raggiunto con il governo nazionale.

La notizia della ripartizione dei fondi è appena già pubblicata e subito arrivano le bacchettate del segretario regionale del PD Pippo Lupo, che invita il governo Lombardo a “smetterla di litigare sulla spartizione del bottino per fini clientelari e a utilizzare le risorse sbloccate dal Partito Democratico a livello nazionale per affrontare l’emergenza che riguarda i forestali, la formazione e il lavoro, come chiedono i sindacati e le imprese”.