Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Dal Senato deliberati 30 milioni di euro per Metromare

Via libera del Senato all’ordine del giorno presentato dal senatore NCD Bruno Mancuso per Metromare. Deliberati 30 milioni per garantire il collegamento veloce tra Messina, Villa San Giovanni e Reggio Calabria. Il documento approvato impegna il Governo Renzi “ad assicurare la continuità dei collegamenti di servizio di trasporto marittimo veloce nello Stretto di Messina, autorizzando la spesa di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2015, 2016, 2017”.

La settimana scorsa lo stesso impegno era stato chiesto all’esecutivo dalla Camera con l’approvazione dell’ordine del giorno presentato dal deputato NCD Enzo Garofalo.

Metromare

“Stiamo percorrendo tutte le strade possibili per fare in modo che si trovino i fondi per garantire continuità al collegamento -spiega Mancuso. L’approvazione dell’odg di oggi, che segue quello presentato dal collega Garofalo, è importante perché vincola il Governo anche nell’ipotesi, molto probabile, che anche al Senato sarà posta la fiducia sul Decreto Sblocca Italia, con la conseguente decadenza di tutti gli emendamenti presentati, compreso quello che riguarda Metromare”.

“Il Nuovo Centrodestra- ha commentato Garofalo- ha presentato oggi una mozione chiedendo un impegno deciso del Governo a sostegno del Sud, soprattutto dopo i dati diffusi dallo Svimez, che mettono in evidenza come nel Meridione non paghi una politica austerity ma sia necessario invece investire per creare le condizioni per lo sviluppo del territorio.

Credo fermamente- ha concluso Garofalo- che non possa esserci alcun sviluppo se si interrompe la continuità territoriale. Il Governo deve dare prova concreta della vicinanza al Sud e lo deve fare prima di tutto trovando i fondi per Metromare”.

Domenico Siracusano

Attore e osservatore dei fenomeni sociali e politici, scrive da quando i giornali di quartiere erano di carta e si credeva che un bell’articolo di analisi potesse smuovere le coscienze e forse le montagne. Nel 1997 fu il primo a parlare di casta e gettoni di presenza, beccandosi minorenne una querela, poi ritirata, da un consigliere di Quartiere. Affianca la scrittura all’organizzazione di viaggi con il CTS. Un giorno scriverà di luoghi e destinazioni lontane e sarà un inviato specialissimo.