Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Serrati controlli nella movida messinese, dodici persone denunciate

MESSINA. Continuano senza sosta i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale della città dello Stretto a garantire un maggior senso di sicurezza e la tranquillità nel capoluogo peloritano. Anche durante la notte scorsa, è stata sensibilmente incrementata la presenza dell’Arma nelle zone della città caratterizzate dalla presenza di giovani attirati dalla fitta densità di locali notturni, teatro spesso di eccessi da parte dei ragazzi. Per limitara i disagi della movida, il Comando Provinciale di Messina ha organizzato un massiccio dispiegamento di uomini e mezzi, effettuando mirati controlli sulle principali arterie di circolazione stradale e in particolare nelle zone centrali della città, finalizzati al contrasto della guida pericolosa a seguito di assunzione di alcolici e droga. I militari, nell’ambito del servizio che ha visto impiegati decine di equipaggi con l’ausilio di due etilometri, hanno controllato il traffico sull’intero tratto stradale interessato dal viale Boccetta fino al centro cittadino. Massima attenzione quindi al corretto uso dei sistemi di ritenuta per gli autoveicoli e all’uso del casco per i centauri, con verifica del rispetto del divieto di uso dei cellulari alla guida dei veicoli.

I servizi svolti sono stati dispiegati sia nelle vicinanze delle uscite dei principali locali notturni presenti a Messina, anche con militari in borghese, che bloccando le principali rotatorie e vie di snodo cittadino del traffico veicolare, monitorando a tappetto le  vie del centro per tutta la notte, per un totale di 12 denunce per altrettante persone, tutte in stato di libertà, nel dettaglio: cinque persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Messina poiché sorprese alla guida dell’auto in stato di ebbrezza, con l’immediato ritiro delle rispettive patenti di guida. Due persone denunciate poiché in evidente stato di ebbrezza, si sono rifiutate di sottoporsi all’accertamento previsto. Una persona denunciata per detenzione ai fini di spaccio di alcune dosi di marijuana, sequestrandone complessivamente poco più 2 grammi e mezzo. Un’altra denunciata per possesso di coltelli e arnesi di vario genere idonei a offendere senza giustificato motivo. Una persona è stata denunciata perché sorpresa alla guida della propria autovettura nonostante fosse stata sequestrata. Altre due sono state denunciate perché colte alla guida delle rispettive autovetture mentre diffondevano musica ad altissimo volume mediante apparato stereofonico ad elevatissima potenza. Infine, 8 persone sono state segnalate alla Prefettura di Messina quali assuntori di droga, poiché sorpresi nell’atto di consumare delle modiche quantità di marijuana, cocaina e crack. Inoltre, nel corso del serrato controllo, sono state elevate numerose contravvenzioni al Codice della strada, per lo più relative alla guida senza patente e per mancanza di copertura assicurativa. I soggetti colpiti da questi provvedimenti amministrativi rientrano quasi tutti in una fascia d’età compresa tra i 19 e i 45 anni. Complessivamente sono state sequestrate tre autovetture, mentre cinque patenti sono state ritirate per la successiva sospensione.

La campagna sulla sicurezza stradale, attuata ormai da tempo dai Carabinieri di Messina sta cominciando a produrre i primi frutti, contribuendo ad accrescere una maggiore consapevolezza da parte dei giovani messinesi sul tema. Si comincia, finalmente, a diffondere una cultura della legalità che passa anche dal semplice rispetto, così come avviene sempre più spesso, di un semaforo rosso in corso Cavour alle due di notte, quando la strada è completamente deserta. I cittadini incominciano a capire che il mancato rispetto delle regole del Codice della strada può mettere a repentaglio la propria vita e quella degli altri. I controlli svolti pertanto costituiscono un ulteriore stimolo per responsabilizzare e accrescere il senso civico di tutti noi ogni qualvolta ci si mette alla guida aumentando di conseguenza la sicurezza nelle strade. E’ stato percepito un comportamento più virtuoso da parte dei giovani messinesi rispetto ai mesi scorsi, con meno violazioni contestate ma soprattutto un maggior rispetto e sensibilità in tema di educazione e sicurezza stradale nelle condotte alla guida dei mezzi.