Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Selezione UNILAV a Messina, Assostampa: “Ritirare immediatamente il bando”

Beppe Gulletta, segretario provinciale Assostampa Messina

MESSINA. Dura presa di posizione dell’Assostampa Messina per uno strano bando pubblicato da UNILAV Spa (società per azioni a partecipazione mista pubblica e privata, diretta, coordinata e controllata dall’Università di Messina) in merito alla selezione di tre figure relative al marketing e alla comunicazione. Dito puntato soprattutto sui requisiti richiesti per la figura che erogherà prestazioni giornalistiche. “Ancora una violazione della legge n° 150/2000 sugli uffici stampa si deve registrare da parte di un Ente Pubblico -denuncia Beppe Gulletta, segretario provinciale dell’Associazione Siciliana della Stampa. Assostampa ha ravvisato irregolarità nella procedura di selezione in atto all’UNI.LAV spa per il reclutamento di una figura professionale con profilo di carattere giornalistico. Così come recita l’avviso di selezione, la figura “dovrà provvedere all’ideazione e realizzazione di trasmissioni televisive dedicate ai temi della sanità; curare l’ufficio stampa e garantire attività didattiche e laboratoriali integrative nel campo del giornalismo”.

Tra i requisiti richiesti, oltre all’iscrizione all’Albo dei Giornalisti, il possesso della laurea triennale o specialistica o diploma di laurea vecchio ordinamento, mentre l’inquadramento previsto è tempo determinato o indeterminato, secondo il CCNL commercio terziario distribuzione e servizi- Confcommercio.

Il sindacato dei giornalisti messinesi -prosegue Gulletta- nel rammentare all’UNI.LAV che la legge 150/2000 non prevede tra i requisiti il possesso della laurea, in una nota inviata ieri ha chiesto l’immediata sospensione in autotutela della procedura di selezione, riservandosi inoltre ogni azione a tutela della categoria”.