Cronaca. Irregolarità nella gestione del bar, barcellonese assolta dalla Corte d’Appello di Messina

Tribunale giustiziaMESSINA. Una donna di Barcellona Pozzo di Gotto, G.D., 23 anni, gestrice di un noto bar di Milazzo che era stata denunciata dalla Polizia Municipale per presunte irregolarità sull’utilizzo del della propria attività, è stata assolta. A deciderlo i giudici della Corte d’Appello di Messina. La giovane era stata denunciata due volte, a
giugno e luglio del 2011 e poi assolta in entrambi i procedimenti.
Nel primo perché il fatto non sussiste, nell’altro perché il fatto non costituiva reato. Il legale della 23enne, l’avvocato Diego Lanza, attraverso prove documentate ha dimostrato che in un caso i tavoli erano stati posti fuori dal locale autonomamente dai dipendenti senza consultarsi con l’imputata, mentre nell’altro caso ha dimostrato la reviviscenza di una precedente autorizzazione, in quanto la donna era subentrata nella gestione della società alla vecchia proprietà, che era stata autorizzata a collocare i tavoli e le sedie fuori dall’attività commerciale.

 

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.