Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto

MESSINA. Incidente mortale sull’A18 alle prime luci dell’alba di oggi, all’altezza del centro abitato di Scaletta Zanclea. Il bilancio è di tre morti e alcuni feriti. Tra le vittime anche il poliziotto Angelo Spadaro, in servizio presso la sottosezione della Polstrada di Giardini Naxos e altre due persone, del quale ancora non sono state rese note le generalità. Diversi i mezzi coinvolti tra camion e auto. L’agente ha perso la vita in servizio. L’autostrada è chiusa al traffico in direzione Messina e al momento l’uscita obbligatoria è al casello di Roccalumera. Sul posto anche i vigili del fuoco per mettere in sicurezza i mezzi ed estrarre coloro rimasti incastrati. Seguiranno aggiornamenti.

Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto
Cronaca. Incidente mortale sulla A18, a perdere la vita anche un poliziotto

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.