Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. In tanti a Messina sono scesi in piazza per dire No alla violenza sulle donne in ricordo di Alessandra Musarra

La città di Messina ha deciso di stasera di dedicare la giornata della festa della donna, che si celebra proprio oggi, all’ultima vittima di femminicidio in Sicilia, Alessandra Musarra, 29 anni, trovata senza vita accanto al letto della propria abitazione ieri mattina.

Un corteo, organizzato da CeDAV Onlus (Centro Donne Anti-violenza di Messina), è partito questa da piazza Antonello. In tanti presenti, per una marcia silenziosa che ha coinvolto tutte le vie centrali della città dello Stretto.

Sul social  Facebook il centro che ha promosso l’iniziativa solidale dichiara: “La barbarie ha colpito Alessandra, la barbarie di un uomo che le era vicino, che lei pensava l’amasse. Il Centro Donne Antiviolenza di Messina si compenetra nel dolore della famiglia e nello sdegno di tutti coloro, donne e uomini, che vogliono urlare con forza ‘basta’ a questo sterminio! Ancora una volta un’altra donna, una nostra sorella, una nostra amica, una nostra figlia è stata uccisa per mano di colui che diceva di amarla, del suo compagno. L’efferatezza e la violenza con la quale la vita di questa donna è stata spazzata via ci lascia sgomenti e in uno stato di prostrazione e rabbia“.

Il CeDAV Onlus ha annunciato che si costituirà parte civile nel processo penale a carico del presunto assassino della ragazza, il fidanzato 26enne Cristian Ioppolo, che ieri ha confessato di aver massacrato la fidanzata a calci e pugni.

Cronaca. In tanti a Messina sono scesi in piazza per dire No alla violenza sulle donne in ricordo di Alessandra Musarra
Cronaca. In tanti a Messina sono scesi in piazza per dire No alla violenza sulle donne in ricordo di Alessandra Musarra
Cronaca. In tanti a Messina sono scesi in piazza per dire No alla violenza sulle donne in ricordo di Alessandra Musarra
Cronaca. In tanti a Messina sono scesi in piazza per dire No alla violenza sulle donne in ricordo di Alessandra Musarra

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.