Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Giornata di gioia per 50 famiglie di Messina, consegnati gli alloggi del villaggio Matteotti

Consegnati stamattina 50 appartamenti del villaggio Matteotti all’Annunziata. Si chiude un’attesa lunga 12 anni per molte famiglie.

Dall’autunno ad oggi sono stati completati i lavori per dare risposte alle famiglie che finalmente potranno avere una collocazione dignitosa. Le palazzine sono quattro, gli alloggi sono di tre tipologie in base alla grandezza (da 50 mq, da 86 mq e da 95 mq) e ci sono anche dieci botteghe. <<Abbiamo accelerato procedure incancreniti in 28 anni sono stati realizzati solo 500 alloggi – dichiara il sindaco Cateno De Luca, ment in sette mesi abbiamo sbloccato due graduatorie e consegnato quasi 100 alloggi, abbiamo avviato già gli avvisi per gli alloggi esistenti e ci è stata data disponibilità per quasi 400 abitazioni. Abbiamo subito – prosegue De Luca– anche l’ostruzionismo dell’ Iacp che ha cercato di vanificare l’art 62 che istituisce l’Arisme. Grazie alla legge di stabilità regionale finalmente si è arrivati ad un’interpretazione autentica della norma e chiederemo all’Istituto Autonomo Case Popolari di riconsegnarci immediatamente le aree e i soldi che ha ancora in cassa. Andiamo avanti spediti con un cronoprogramma che, a prescindere dalla mancanza della dichiarazione dello stato di emergenza, ci può portare a realizzare il nostro obiettivo, che è quello di consegnare almeno 500 alloggi l’anno. Il prossimo passo sarà quello di definire formalmente con l’Istituto Autonomo Case Popolari il passaggio di tutte le aree e il trasferimento delle risorse>>.

Foto Nazario Nulli

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.