Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Contrasto alle attività in nero, scoperti 12 lavoratori agricoli nel Trapanese

TRAPANI. Dopo il controllo svolto dalla Guardia di Finanza locale in un’azienda agricola di Buseto Palizzolo con la scoperta di 4 lavoratori a nero, nei giorni scorsi i dipendenti dei reparti territoriali operanti nella provincia trapanese hanno effettuato ulteriori controlli finalizzati a contrastare il lavoro nero in agricoltura, con specifico riguardo al settore vitivinicolo. La Compagnia di Marsala, tra i vigneti del posto e Petrosino ha proceduto con due controlli, in uno dei quali sono stati trovati 4 lavoratori extracomunitari di origine nigeriana, di cui due clandestini e due muniti di permesso di soggiorno, impiegati in un’azienda agricola gestita da una ditta individuale marsalese. Il titolare dell’azienda agricola, oltre ad essere segnalato all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Trapani per l’applicazione delle pertinenti sanzioni amministrative, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Marsala per il reato di occupazione di manodopera clandestina. Altri due lavoratori a nero, di nazionalità rumena, sono stati scoperti dalla Tenenza di Mazara del Vallo a seguito di un controllo effettuato in un vigneto, ubicato nel territorio del comune di Campobello di Mazara e riconducibile a un imprenditore individuale, anch’egli segnalato all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Trapani.

Sei lavoratori a nero sono stati scoperti dalla Tenenza di Castelvetrano in un’azienda vitivinicola di Partanna. Tra questi anche un giovane di nazionalità tunisina, ma nato in Italia che aveva da poco dichiarato all’INPS di essere disoccupato presentando apposita istanza per ottenere la cosiddetta NASpI, Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, ossia un’indennità mensile di disoccupazione spettante ai lavoratori subordinati che hanno perduto involontariamente l’occupazione. Laddove non sia il datore di lavoro a comunicare l’assunzione, il beneficiario dell’indennità di disoccupazione in parola deve tempestivamente segnalare all’Istituto Previdenziale l’avvio di una nuova attività lavorativa in modo tale da consentire la sospensione dell’erogazione, esclusivamente dedicata al sostegno del reddito delle persone effettivamente prive di qualsivoglia occupazione. Il finto disoccupato pertanto è stato tempestivamente segnalato all’INPS per la revoca immediata dell’indennità fruita. L’attività ispettiva condotta dalla Fiamme Gialle trapanesi per il contrasto al lavoro irregolare continuerà nelle prossime settimane, anche in altri settori economici, a salvaguardia dei diritti dei lavoratori ed a tutela dei cittadini onesti.