Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Barcellona PG, lotta all’abbandono dei rifiuti: raffiche di multe

Continua senza tregua la lotta dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Roberto Materi contro chi abbandona i rifiuti per strada. Oltre 25 multe sono state infatti elevate dagli uomini della Polizia municipale, che hanno lavorato in sinergia con Polizia e Carabinieri,  contro i barcellonesi e non che non rispettano le regole e che rendono luridi gli angoli della città non conosce fine. Appostamenti e identificazione degli incivili dopo aver rinvenuto i sacchetti della spazzatura abbandonati e dopo avervi frugato all’interno. Grazie proprio alla mirata e articolata attività sinergica sono emerse varie infrazioni che riguardano numerose zone del territorio comunale. Diverse persone identificate e identificate provengono dai comuni di Tripi, Terme Vigliatore e Merì. Ai trasgressori saranno applicate a breve le sanzioni previste dalla vigente normativa in materia, che vanno da un minimo di 50 euro a un massimo di 600 euro, a seconda della tipologia di rifiuti abbandonata. Nonostante le esigue risorse umane e tecniche di cui dispone il Corpo di Polizia municipale, la lotta quotidiana nei confronti di chi non vuol capire dove e come devono essere conferiti i rifiuti continua incessantemente. I controlli continueranno e saranno intensificati sempre di più in modo da contrastare gli incivili che indegnamente continuano a sporcare il nostro territorio, procurando danno a tutti i cittadini barcellonesi. 

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.