Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Assostampa Messina ha vinto: UNILAV sospende bando per selezione giornalista

MESSINA. Assostampa Messina ha centrato l’obiettivo: UNILAV ha sospeso il bando relativo alla selezione di un giornalista da inserire in un gruppo di lavoro di tre addetti per la gestione del marketing e della comunicazione, comprendente anche un operatore tv. Il sindacato dei giornalisti ha severamente stigmatizzato le modalità con le quali la società partecipata dell’Università di Messina ha proceduto alla redazione del bando relativamente alla figura del giornalista. In una dura lettera inviata giovedì scorso alla società, al rettore dell’ateneo Pietro Navarra e al prorettore Marco Centorrino, il segretario provinciale dell’Assostampa Beppe Gulletta aveva richiesto il ritiro immediato del bando, riservandosi inoltre ulteriori azioni a tutela della categoria.

Una richiesta accolta durante una riunione convocata immediatamente dopo aver ricevuto la nota del sindacato, durante la quale si è deciso di sospendere il bando relativamente alla figura del giornalista per la mancata composizione della commissione esaminatrice e di procedere con le altre due.

Beppe Gulletta, segretario provinciale Assostampa Messina

Una coincidenza, quella della mancanza della commissione, che dà molto da pensare, visto che tra i passaggi contestati da Gulletta c’era anche la mancata richiesta all’Ordine dei Giornalisti da parte di UNILAV di fornire i nominativi tra i quali scegliere uno dei membri della stessa. Insomma, un pasticciaccio alla messinese, che non stupisce più di tanto ma che comunque indigna chi conosce fatti e cose.

Da sottolineare che proprio per le modalità con le quali la selezione è stata bandita c’è stato anche chi ha inviato a diversi avvocati una raccomandata contenete i nomi dei vincitori delle posizioni di giornalista e responsabile marketing. Saltata la selezione per la prima figura, sarebbe interessante, una volta concluse le selezioni per il consulente per il marketing, verificare se il nome del vincitore (o della vincitrice) corrisponde a quello depositato negli studi legali.

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.