Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. A Messina folla e commozione per i funerali di Alessandra Musarra

Duomo di Messina gremito in ogni ordine di posto per i funerali di Alessandra Musarra, la ventinovenne uccisa nella sua abitazione di Santa Lucia sopra Contesse dal compagno. In tanti si sono stretti ai familiari della giovane dilaniati dal dolore. La bara della giovane sull’altare ricoperta di fiori bianchi, con sopra una bella foto della ragazza con una frase che recitava: “chi vive nel nostro cuore non morirà mai”. Al rito funebre, celebrato da Monsignor Giovanni Accolla, presenti il vice sindaco di Messina Salvatore Mondello, il prefetto Maria Carmela Librizzi e diverse altre autorità civili e militari. Durante le solenni esequie tanto silenzio, rabbia e commozione da parte delle migliaia di persone presenti. Un silenzio rotto solo dai singhiozzi dei familiari di Alessandra.  Monsignor Accolla ha esortato a guardare “oltre le vicende terrene trovando la forza di riprendere il cammino dopo aver asciugato le lacrime” mentre la gente tratteneva a stento la commozione. Poi al termine, un applauso al momento del passaggio della bara prima della partenza verso il cimitero per la tumulazione.
Cronaca. A Messina folla e commozione per i funerali di Alessandra Musarra
Cronaca. A Messina folla e commozione per i funerali di Alessandra Musarra
Cronaca. A Messina folla e commozione per i funerali di Alessandra Musarra
Cronaca. A Messina folla e commozione per i funerali di Alessandra Musarra
Cronaca. A Messina folla e commozione per i funerali di Alessandra Musarra
Cronaca. A Messina folla e commozione per i funerali di Alessandra Musarra

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.