Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Covid a Barcellona PG – Sale vertiginosamente il numero dei positivi in città. Avviate le procedure per dichiarare la zona rossa

Sale la preoccupazione a Barcellona Pozzo di Gotto per il vertiginoso aumento dei positivi in città. Il sindaco Pinuccio Calabrò ha reso noto  che il numero dei contagi è salito a 199. “Il dato è purtroppo reale. Ieri, infatti, avevamo ricevuto un dato pari a 164 casi che ci ha indotto, ritenendolo esagerato, ad aprire un’interlocuzione con l’Ufficio del Commissario Straordinario per l’emergenza Covid-19 in provincia di Messina – afferma il primo cittadino-. Ieri sera abbiamo appreso che il dato è corretto e che il numero dei casi di positività nella nostra città è in preoccupante ascesa.

Alla luce di questo aumento esponenziale dei contagi, le autorità sanitarie (Dipartimento di Prevenzione e Ufficio straordinario per l’emergenza) hanno avviato, sulla scorta di parametri espressamente previsti dalla legge, la procedura di valutazione per dichiarare la zona rossa di concerto con gli uffici della Regione Siciliana.
Il più grande rammarico è quello che purtroppo in molti si sono girati dall’altra parte di fronte ai consigli delle autorità sanitarie, ritenendo evidentemente di essere più esperti di medici e scienziati. Le forze dell’ordine, che già purtroppo devono fare i conti con l’aspetto del personale sottodimensionato, non possono controllare tutto e tutti.
L’auspicio è quello che, finalmente, si riesca a capire l’importanza di rispettare le regole. Che, in fondo, sono semplici e basilari: distanziamento sociale, uso della mascherina e igienizzazione delle mani. Voglio dire a quanti fin qui le hanno trasgredite che, oltre a mettere a repentaglio la loro salute e quella dei propri cari, contribuiscono a causare un danno alle attività economiche che continuano a pagare gli effetti devastanti della pandemia.
Spero, da qui e per il futuro, in un maggiore senso di responsabilità da parte di tutti”!

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.