Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Corte dei Conti e default, si apre uno spiraglio

La Corte dei Conti potrebbe esser pronta a concedere un po’ di fiato al Comune di Messina. Il rischio che si corre è serio ed il Ragioniere Generale Nando Coglitore sprizza gioia da tutti i pori. E’ appena rientrato da Palermo dopo l’audizione del commissario starodinario Croce con la magistratura contabile ed è un fiume in piena.

“Siamo ottimisti rispetto alla possibilità che ci concedano un po’ di tempo -dichiara. La sospensiva concessa

dal Tar ci consente di accendere mutui e di evitare i paletti derivanti dallo sforamento del Patto di Stabilità, oltre ovviamente a non dover pagare nell’immediato la penale di 7 milioni di euro. Aspettiamo notizie ufficiali da Palermo, ma in linea di massima la Corte dei Conti dovrebbe concederci tra i due ed i cinque  mesi per mettere un po’ di ordine”.

Decisione mandata e ghigliottina pronta dunque, anche se per il momento la lama è ancora alta. La Corte Costituzionale si pronuncerà a fine marzo rispetto allo sforamento del Patto di Stabilità delle Regioni a statuto speciale ed anche la Corte dei Conti dovrebbe rispettare questi tempi.