Comitato antimeningite: “Subito il vaccino anche in Sicilia”

MeningiteLa meningite è ancora un pericolo, di meningite si muore ancora anche in Sicilia.

Se n’è parlato a Palermo, nel corso di un congresso. “Che venga seguito pure nell’Isola l’esempio virtuoso di Toscana, Basilicata, Puglia e Veneto che hanno completato l’offerta vaccinale contro tutti i sierogruppi della meningite meningococcica, inserendo nel proprio calendario il vaccino contro il ceppo B, ultimo in ordine temporale ad essere reso disponibile alle mamme”.

Lo auspica Silvana Silvestro, vicepresidente del Comitato nazionale contro la meningite e mamma del piccolo Federico, morto a due anni e mezzo a causa di una meningite fulminante di tipo B, il sierotipo tra i più pericolosi che

ogni anno è responsabile, in Italia, di oltre il 60% dei casi.

“Allora non esisteva un vaccino in grado di proteggere mio figlio, ma oggi questo vaccino esiste, per questo esorto tutte le mamme e i papà a informarsi presso il proprio pediatra o il centro vaccinale più vicino per poter decidere in modo consapevole della salute dei propri figli”.

Ed ecco i dati, allarmanti. Nel 2013 si sono registrati in oltre 1.300 casi di meningite, di questi 162 sono stati causati dal meningococco B, il sierotipo più aggressivo e potenzialmente letale, che colpisce soprattutto i bambini sotto l’anno di e gli adolescenti. Solo in Sicilia, lo scorso anno, sono stati segnalati 31 casi di meningite.


Elio Granlombardo

Ama visceralmente la Sicilia e non si rassegna alla politica calata dall’alto. La “sua” politica è quella con la “P” maiuscola e non permette a nessuno di dimenticarlo. Per Sicilians segue l'agorà messinese, ma di tanto in tanto si spinge fino a Palermo per seguire le vicende regionali di un settore sempre più incomprensibile e ripiegato su se stesso. Non sopporta di essere fotografato e, neanche a dirlo, il suo libro preferito è “Conversazione in Sicilia” di Elio Vittorini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.