Coltivavano marijuana nel garage, ai domiciliari coppia di conviventi di Terme Vigliatore

Due conviventi di Terme Vigliatore, P.P.J. di 60 anni e la compagna C.C.C. di 40 anni, sono stati arrestati ieri in flagranza di reato con l’accusa, in concorso, di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. I Carabinieri della Stazione di Furnari diretta dal Luogotenente Massimiliano Ciaramidaro avevano notato un intenso movimento di persone sospette nelle vicinanze dell’abitazione della coppia. Pertanto hanno predisposto immediatamente mirati servizi di osservazione.
Nella serata di ieri è così scattata poi la perquisizione domiciliare. Nella stanza da letto, i carabinieri hanno rinvenuto un sacco con all’interno 115 grammi di marijuana. In altre stanze sono stati rinvenuti due involucri di cellophane

contenenti rispettivamente 130 grammi e 830 grammi della stessa sostanza stupefacente. La perquisizione è stata estesa anche ad un garage di pertinenza all’abitazione e nella disponibilità della coppia, all’interno del quale i militari hanno rinvenuto una serra per la coltivazione della canapa completa di lampada, 20 piantine di canapa indiana dell’altezza di circa un metro e mezzo, 500 grammi di marijuana consistenti in sfalci di potatura della stessa pianta, nonché materiale vario utilizzato per la coltivazione in vaso e per il confezionamento dello stupefacente. Tutta la sostanza stupefacente è stata sottoposa a sequestro e inviata al Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Messina per le analisi di laboratorio. Sequestrato anche tutto il materiale rinvenuto. I due conviventi sono stati posti ai domiciliari in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.

 

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *