Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Clinica Cristo Re, l’Orsa denuncia il licenziamento di un proprio sindacalista. Pronto il ricorso alla magistratura

Mariano Massaro, segretario generale ORSA Sicilia

“Il licenziamento del nostro rappresentante era nell’aria e si è consumato nei modi ormai consueti con cui alla clinica Cristo Re ci si comporta con i lavoratori capaci di rivendicare i diritti e le tutele per se stessi e per l’utenza”.

A denunciare l’ingiusto licenziamento di Salvatore Venuti della clinica Cristo Re è il segretario generale di Orsa Sicilia Mariano Massaro, che ritiene che l’allontanamento del dipendente sia stato pretestuoso e legato alle denunce dello stesso sindacalista in merito alle carenze assistenziali ai degenti.

“Chi non si allinea ai diktat è isolato e ripetutamente sanzionato con le motivazioni più fantasiose e messo alla porta per sommatoria di peccati veniali -denuncia Massaro”.

Da quanto racconta il sindacato, lo stesso lavoratore avrebbe denunciato all’opinione pubblica i metodi dei vertici della clinica privata dopo il primo licenziamento di un rappresentante dell’Orsa incatenandosi all’ingresso del plesso ospedaliero l’1 agosto scorso. gesto questo, che secondo Massaro avrebbe solo ritardato di un anno il licenziamento di Venuti.

“Muovendosi sempre all’interno dei diritti sindacali -continua il segretario generale di Orsa Sicilia- Venuti ha contrastato preventivamente i velati annunci di cassa integrazione mai smentiti dall’azienda. Che dimenticando di usufruire di soldi pubblici per garantire la migliore assistenza ai pazienti, da tempo tende a sostituire personale strutturato a tempo indeterminato con lavoratori occasionali attraverso chiamata saltuaria al bisogno. E questo con buona pace dei parametri assistenziali da rispettare a garanzia della migliore assistenza per cui la Cristo Re avanza e ottiene periodicamente soldi pubblici dalla Regione Sicilia”.

Ma l’Orsa non si limita a denunciare il licenziamento di Venuti e annuncia il ricorso alla magistratura e di azioni di protesta. ”E’ chiaro che l’onestà e il senso di responsabilità sindacale di Venuti sono un patrimonio che non si può dissipare con la continua minaccia di licenziamento -conclude Massaro. Quindi, oltre al ricorso alle vie legali, daremo il via ad una serie di denunce all’opinione pubblica e di protesta sistematica contro chi pensa di gestire denaro pubblico senza rendere conto a nessuno”.

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.