Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Clamorosa fake news delle Iene sul sindaco di Messina: Cateno De Luca accusato di aver partecipato al funerale del fratello di un ex boss

MESSINA. Hanno una innegabile passione per il sindaco di Messina Cateno De Luca gli autori e i conduttori del programma Mediaset Le Iene. Al punto che quando le notizie non ci sono arrivano a inventarle arrivando a dire, come hanno fatto oggi, che il primo cittadino era presente al corteo funebre non autorizzato di Rosario Sparacio, fratello dell’ex boss Luigi. In un articolo pubblicato sul sito iene.mediaset.it “Messina, il sindaco regala uova di Pasqua e crea assembramenti” dopo aver ricostruito l’episodio e pubblicato a corredo un video sostenendo che “la distribuzione delle uova, come si vede bene nel video qui sopra, non abbia tenuto conto delle basilari regole governative imposte per combattere il diffondersi del coronavirus. Insomma, iniziativa lodevole ma da quello che ha bloccato lo stretto di Messina ci si aspetterebbe più attenzione” arrivano a scrivere che “Il sindaco di Messina continua a far parlare di sé. Sabato scorso è stato visto nel corteo funebre, nel quale alcune decine di persone hanno accompagnato la salma di Rosario Sparacio, fratello di Luigi, storico boss di mafia poi diventato collaboratore di giustizia. Corteo che si è tenuto in un momento in cui sono vietati gli assembramenti”.

 

Riportano solo

la prima dichiarazione di De Luca (“Solo falsità da parte di becera politica. Vergogna, per attaccarmi fate sciacallaggio anche sui decessi. Non si è trattato né di un corteo funebre né di una celebrazione religiosa, che sono peraltro vietati. Quanto in modo becero è definito ‘corteo funebre con oltre cento persone’ non è altro che un mero trasporto della salma per poche centinaia di metri, al quale si sono uniti, in modo estemporaneo, alcuni familiari del defunto, in numero non superiore alla trentina”) ma si guardano bene dal riportare anche il secondo comunicato stampa di De Luca, che riporta una violenta condanna non solo della mafia ma anche di quelli che con grande lucidità Leonardo Sciascia definì i professionisti dell’antimafia. 

 

In serata lo screenshot dell’infamante accusa a De Luca e della sua falsa partecipazione al funerale di Sparacio ha iniziato a girare sui social, suscitando ira e indignazione in città. In molti suggeriscono al sindaco di querelare la trasmissione Le Iene per avere scritto una notizia falsa, venendo meno al primo dovere dei giornalisti: verificare la veridicità di una notizia prima di pubblicarla.

 

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.