Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Circolo Pickwick, omaggio a Monk del Controtrio

È un omaggio a Thelonious Monk quello regalato dal “Controtrio” al pubblico che ogni venerdì sera affolla il Circolo Pickwick per le serate jazz. 

Luciano Troja al pianoforte, Filippo Bonaccorso alla batteria e Giancarlo Mazzù alla chitarra hanno eseguito uno dopo l’altro alcuni dei pezzi più famosi di Monk. Che scrisse solo 72 composizioni  che cambiarono il mondo del jazz e poi si ritirò per non suonare mai più. 

Dopo avere attaccato con la celeberrima “Epistrophy”, i “Controtrio” hanno

regalato emozioni su emozioni eseguendo via, via “Blue Monk”, “Pannonica”, “Well you need”, “Round midnight”, “Straight no chaser” e “When a falling love”. 

“Il progetto di “Controtrio” nasce nel 2006 -spiega Filippo Bonaccorso. È un trio atipico, manca per esempio il contrabbasso e la novità è rappresentata dalla chitarra. Ci piace esplorare i brani attraverso linee nuove e privilegiando la sperimentazione. Gli strumenti si “scambiano” di ruolo e così la batteria ha un fraseggio melodico, lasciando il ritmo al pianoforte ed alla chitarra. Perché Monk? Perché affrontarlo, eseguirlo è sempre un piacere. Non a caso, le sue sono composizioni atipiche alle quali ci sentiamo molto affini”.