Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Catania. Un nigeriano violenta per mesi una donna al Centro di Accoglienza

MAMUD-Yunus-1-263x300 (2)l CARA, Centro di accoglienza richiedenti asilo, di Mineo, provincia di Catania, dovrebbe essere un luogo sicuro, invece, una giovane nigeriana denuncia di essere stata violentata ininterrottamente per tre mesi da un suo connazionale.

La Polizia ha denunciato il 20enne nigeriano Mamud Yunus, ospite presso il CARA di Mineo. L’uomo è accusato dei reati di violenza sessuale e sequestro di persona, per avere abusato sessualmente dal novembre 2014 ad oggi di una connazionale.

Secondo la denuncia Yunus costringeva la connazionale a compiere e subire atti sessuali, sotto continue minacce la obbligava a non uscire dall’alloggio.

Il coraggio della donna ha permesso di concludere questa terribile storia di violenza. Venerdì mattina la donna in evidente stato di agitazione si presenta al posto di Polizia del Centro di Accoglienza richiedenti asilo, dopo un tentativo di  Yunus di impedirle di comunicare con gli agenti, e con l’ausilio del mediatore culturale racconta di avere subito reiterate violenze sessuali da parte di un connazionale.

  La  donna  spiega di essere arrivata presso il CARA di Mineo il 5 ottobre del 2014 e assegnata in una camera singola. Nella stessa casa abitava anche Yunus che ha aiutato inizialmente la donna ad ambientarsi. Ma, secondo la donna, dopo le prime settimane Yunus cominciava ad avanzare pretese di carattere sessuale.

La donna ha raccontato di essersi sempre rifiutata e per questo è stata anche picchiata e successivamente violentata. Questa situazione  si è mantenuta per circa tre mesi durante i quali Yunus sotto continue minacce non permetteva alla donna di uscire di casa.  Solo venerdì mattina è riuscita a sfuggire al controllo e presentarsi alla Polizia.

La Polizia dopo ver informato il Pubblico Ministero di turno, sostituto Procuratore Fabio Salvatore Platania, e dopo le formalità di rito è stato accompagnato presso la Casa Circondariale. Mentre la donna, dopo le cure, veniva collocata presso una struttura protetta all’interno del Centro di Accoglienza richiedenti asilo .

Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.