Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Catania. Sovraindebitamento, i commercialisti gestiranno la crisi

il segretario A. Aiello, il presidente S. Truglio, il vicepresidente M. Indelicato e il referente S. Toscano)
Da sinistra il segretario Andrea Aiello, il presidente Sebastiano Truglio, il vicepresidente Mario Indelicato e il referente Salvatore Toscano

L’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania ha costituito il proprio Organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento, tra i primi in Italia iscritti nel registro tenuto dal ministero della Giustizia.

Una notizia che oltrepassa l’ambito tecnico e assume un’importantissima valenza sociale per il territorio etneo: i professionisti catanesi, infatti, sono adesso ufficialmente deputati a gestire le condizioni di deficit che pesano sulla vita delle piccole imprese e delle famiglie, a volte in modo drammatico.

“Essere chiamati dallo Stato a svolgere un ruolo chiave nella gestione della crisi che ha colpito e colpisce buona parte della collettività del nostro territorio – ha affermato il presidente dei commercialisti di Catania Sebastiano Truglio – è un riconoscimento reale del valore pubblico e sociale della nostra categoria professionale”.

Recependo le legge 3 del 27 gennaio 2012, l’Organismo dell’Ordine di Catania ha il compito di predisporre e attestare i piani di ristrutturazione dei debiti o di liquidazione dei patrimoni, per i soggetti non fallibili – piccoli imprenditori, aziende agricole, lavoratori autonomi, consumatori e famiglie – che così possono estinguere il loro status di insolvenza per risollevarsi economicamente e socialmente. Inoltre, l’avvio della risoluzione volontaria dello stato di crisi, se autorizzata dal Tribunale, consente anche di sospendere temporaneamente le eventuali procedure esecutive a carico del debitore. Per i creditori invece i benefici si manifestano in una maggiore tutela dei loro diritti e nel soddisfacimento più rapido delle loro pretese.

“Le competenze professionali degli iscritti all’Ordine – ha continuato il segretario Andrea Aiello – sono al servizio sia di chi vuole, ed è meritevole, riabilitarsi da un’esperienza imprenditoriale difficile; sia di tutti i consumatori e debitori civili che hanno bisogno di strumenti concreti per liberarsi, a determinate condizioni, dei debiti non pagati, reinserendosi nella società”.

Il referente designato dal Consiglio per la gestione operativa dell’Organismo di Composizione Crisi è Salvatore Toscano, il quale ha annunciato che le attività saranno avviate nei prossimi giorni.