Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Catania. Folle inseguimento in centro, arrestato Giacomo Maurizio Ieni

POLIZIA-VOLANTE_550Dovevano notificare un provvedimento di Sorveglianza Speciale da circa un mese. Ma quando i poliziotti incrociano Giacomo Maurizio Ieni per strada lui scappa e dopo un inseguimento il 58enne è stato arrestato insieme a un pregiudicato 32enne. I due sono ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e lesioni.

Nel pomeriggio di  sabato, 31 ottobre, agenti della Squadra Mobile notano  in via Umberto a bordo di una Nissan Qashqai, seduto lato passeggero, Ieni presunto esponente dell’organizzazione mafiosa Pillera-Puntina e meglio noto come Nucciu u mattuffu.

“I poliziotti, dopo essersi qualificati, intimano agli occupanti della Nissan Qashqai di fermarsi, ma questi accelerano repentinamente la marcia dandosi alla fuga – spiegano dalla Questura di Catania. Dopo un lungo inseguimento, percorrendo più strade cittadine e mettendo seriamente a repentaglio l’incolumità di automobilisti e

pedoni, i fuggitivi sono stati raggiunti in piazza Verga, dove urtavano violentemente l’auto della Polizia ma sono costretti a fermarsi”.

Ieni, sceso dal mezzo, tenta la fuga a piedi lungo Corso Italia ma è stato fermato insieme al  32enne. Un poliziotto, a causa dello ferite riportate a seguito dell’urto, è stato condotto presso l’Ospedale Garibaldi dove i sanitari hanno riscontrato una frattura alla mano.

Espletate le formalità di rito, gli arrestati sono stati accompagnati presso la casa circondariale piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Da ricordare che lo scorso 15 ottobre, la Divisione Anticrimine della Questura aveva sequestrato beni immobili, imprese e diversi rapporti bancari, per un valore complessivo di quattro milioni di euro a Ieni. Inoltre era stata disposta la misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per la durata di anni tre e mesi sei, che però non era stata notificata perché Ieni non era stato rintracciato.