#Catania. Fermato uno scafista del Gambia, è ancora minorenne

migranti_gommone
Immagine di repertorio

Ennesima tragedia del mare al largo della Sicilia, cinque i morti accertati, ma potrebbero essere di più. Intanto, la Polizia arresta il giovane scafista.

Sono sbarcati in duecento ieri mattina alle sette al porto di Catania dalla nave, battente bandiera maltese, Zeran. Insieme ai migranti per la precisione 194 c’erano anche cinque cadaveri. E il giovanissimo scafista.

Nel pomeriggio di ieri, la Polizia ha fermato un diciassettenne gambiano (di cui sono state rese note solo le iniziali H.S.), perché gravemente indiziato del delitto di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Nel corso delle indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale di Catania e dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni, condotte dalla Squadra Mobile il giovane gambiano è stato individuato come lo

del gommone lungo dieci metri soccorso il 3 maggio dalla Zeran.

Quel giorno, il gommone che trasportava 91 migranti, oltre ai corpi di compresi cinque morti, è stato soccorso in acque internazionali dal cargo maltese, che,  sempre il 3 maggio, aveva soccorso un altro gommone con a bordo 103 migranti.

I morti però non sarebbero solo i cinque a bordo del gommone, infatti, dalle testimonianze dei migranti e da un video realizzato da membri dell’equipaggio del cargo è emerso chedurante le fasi di soccorso alcuni migranti sono caduti in mare. E, sopratutto,che gli occupanti del gommone erano in numero superiore a quello dei superstiti. Sono in corso ulteriori esami finalizzati alla identificazione delle altre salme.

Il diciassettenne è stato accompagnato al Centro di Prima di via Franchetti a Catania a disposizione del Pubblico Ministero della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni.


Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.