Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Catania. Era diretto a Parigi, arrestato un tunisino con un documento falso

AeroportoIeri, mercoledì 25 novembre, la Polizia ha arrestato all’Aeroporto Fontanarossa di Catania un cittadino tunisino pronto per imbarcarsi su un volo diretto a Parigi.

Il 23enne Mohamed Abidy, fermato nel pomeriggio durante i controlli della Polizia di Frontiera,  aveva una carta d’identità italiana falsa.

Il tunisino è stato intercettato da una delle pattuglie durante prima di imbarcarsi su un volo diretto allo scalo parigino di OrlyAbidy in un primo momento ha presentato agli agenti della Polaria una carta d’identità italiana non valida per l’espatrio rilasciata da un comune siciliano.

“A seguito dell’intensificazione dell’attività di prevenzione e di controllo disposti dal Ministero dell’Interno e dal Questore di Catania, in relazione agli eventi criminosi verificatisi a Parigi lo scorso 13 novembre, alle ore 15.00 del 25 novembre scorso, gli operatori procedevano al controllo documentale del cittadino tunisino che

Successivamente, il tunisino ha risposto “con atteggiamento riottoso al punto da indurre gli operatori, insospettiti dal comportamento dello straniero, a procedere all’accompagnamento in Ufficio” – spiegano dalla Questura di Catania. E così, i poliziotti perquisiscono il bagaglio  e trovano, ben occultata, una seconda carta d’identità italiana valida per l’espatrio,  fatto questo incongruente con il suo status di cittadino tunisino.

Dagli  approfondimenti investigativi è emerso che la carta d’identità rinvenuta nel bagaglio era contraffatta. Ulteriori accertamenti hanno permesso di appurare, inoltre, che il cittadino magrebino, pur essendo titolare di permesso di soggiorno italiano, in realtà lavora in nero presso una società con sede a Parigi.

L’arresto del cittadino tunisino segue quelli avvenuti nei giorni precedenti sempre ad opera degli uomini della Polizia di Frontiera di stanza presso l’Aeroporto Fontanarossa di Catania, di un cittadino siriano, di un albanese e di due cittadini del Mali, tutti arrestati per possesso di documenti falsi.