Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Catania. Controlli della Polizia al porto, sanzioni ai commercianti per 6 mila euro

Porto di catania

Porto di catania – Foto di repertorio

Passati al setaccio domenica, 8 marzo, bar e ristoranti all’interno del porto di Catania. Elevate multe per 6 mila euro, durante i controlli è stato denunciato un cittadino eritreo.

Dalla Questura fanno sapere che: “la Polizia ha effettuato una serie di controlli sulla sicurezza e sull’igiene dei prodotti alimentari somministrati presso gli esercizi di ristorazione e bar  all’interno del porto di Catania.sono state riscontrate diverse criticità, per le quali sono state contestate diverse violazioni amministrative, sanzionate per un ammontare totale di oltre 6 mila euro. Le principali infrazioni hanno riguardato la difformità degli assetti urbanistici rispetto alle planimetrie ufficiali, il mancato aggiornamento dell’HACCP (lo strumento di auto controllo igienico) e, come purtroppo sempre più spesso accade, le carenze igieniche”.

Intanto, l’Azienda sanitaria provinciale sta vagliando la posizione di alcuni esercenti con l’acquisizione di ulteriore documentazione.

La Questura aggiunge con una nota che “durante i controlli è stato scoperto un cittadino eritreo, giunto clandestinamente in territorio italiano, attaccandosi, letteralmente, alla parte inferiore di un rimorchio giunto a Catania a bordo di una nave. Il clandestino è stato identificato grazie ai rilievi della Polizia Scientifica che hanno permesso di appurare che si trattava di un uomo già espulso dal territorio nazionale. Lo straniero è stato, quindi, denunciato e nei suoi confronti è stato emesso un ordine, a firma del Questore di Catania, per lasciare il territorio italiano nel termine di sette giorni”.

Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.