Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Catania. Aggredisce i vigili dopo un controllo stradale, arrestato senegalese

Polizia_municipaleFermato durante un controllo stradale di routine in Piazza Europa, un senegalese di 35 anni aggredisce tre ispettori della Polizia Municipale. Sow Sahada è stato arrestato per resistenza, violenza e lesioni volontarie a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità.

“Intorno alle ore 16 e 50 circa di venerdì 13 novembre – spiegano dal Comune di Catania – una pattuglia dei vigili ferma uno scooter, condotto da Sahada con a bordo un passeggero. Alla richiesta di documenti, entrambi rifiutavano di esibirli e di declinare le proprie generalità. Essendo i soggetti visibilmente nervosi, i vigili hanno richiesto l’ausilio di un’altra pattuglia per accompagnarli al Comando al fine di procedere alla loro identificazione”.

Giunti i rinforzi, gli ispettori invitavano i fermati a salire in auto, ma questi si rifiutano categoricamente, opponendo resistenza. Il guidatore, per divincolarsi, colpisce

più volte un ispettore al braccio e alla testa con il casco.

E così i due fuggono in direzione di viale Africa. Ma , due ispettori, uno dei quali ha ricevuto un morso al pollice destro dal passeggero, si lanciano all’inseguimento. Sahada è stato bloccato anche grazie all’aiuto di una pattuglia in borghese della Polizia in transito.
“Posto in stato di arresto, il cittadino senegalese è stato condotto presso il Comando di Polizia Municipale dove si è procedute alla sua identificazione – aggiungono dal Comune. Contestualmente, si accerta che il motociclo da lui condotto aveva una targa in plexiglass palesemente contraffatta”.
L’Autorità Giudiziaria, all’udienza tenutasi il giorno successivo, convalidava l’arresto e ha disposto il rinvio all’udienza del 27 novembre per il giudizio.
Due dei tre ispettori hanno dovuto ricorrere alle cure del Pronto Soccorso dell’Ospedale Garibaldi vecchio, dal quale sono stati dimessi uno con una prognosi di sette giorni per le percosse col casco e l’altro di quattro giorni per il morso al dito.