Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Casa Serena non chiude, lunedì vertice in Prefettura

Per Casa Serena tutti in Prefettura lunedì prossimo. All’incontro, fissato per le 13 e convocato dal Capo di Gabinetto Filippo Romano, parteciperanno i segretari generali della Funzione Pubblica di Cgil, Cisl e Uil Clara Crocè, Calogero Emanuele e Pippo Calapai e il responsabile Servizi Orsa Francesca Fusco.

Prima dell’incontro con i sindacati Romano si confronterà con il commissario straordinario del Comune di Messina Luigi Croce e con i dirigenti dei settori interessati alla vicenda.

Durante la riunione di definirà un cronoprogramma di interventi. L’obiettivo è quello di scongiurare la chiusura della struttura, per bloccare il trasferimento degli anziani ed impedire il licenziamento dei 100 lavoratori.

“Ci muoveremo con un intervento temporaneo per motivi di ordine pubblico -spiega il Capo di Gabinetto

Romano”. Una volta bloccato l’iter di chiusura di Casa Serena, si procederà con i primi lavori per la messa in sicurezza del pensionato che attualmente ospita 102 anziani.

Torna quindi la calma a Casa Serena, dopo i momenti di tensione vissuti eri pomeriggio, quando 3 lavoratori sono saliti in terrazza e per alcune ore hanno minacciato di buttarsi giù se non si fosse trovata la strada per impedire la chiusura.

Una chiusura determinata anche dall’incapacità dell’amministrazione comunale. I primi rilievi rispetto all’idoneità del sito sono stati mossi nel 2006. Due anni dopo arriva la minaccia che la struttura possa essere cancellata dall’Albo Regionale e quindi da quello comunale proprio per l’inadeguatezza strutturale. Nonostante questo, dal 2008 ad oggi per ben due volte Palazzo Zanca ha bandito l’affidamento del servizio, senza verificare prima se ci fossero le condizioni per farlo e correre ai ripari per evitare di trovarsi nell’attuale situazione di emergenza.