Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Casa Serena, si torna in Prefettura per la cassa integrazione

Dopo l’incontro di stamane con l’azienda, le Funzioni Pubbliche di Cgil, Cisl e Uil hanno effettuato un passaggio in Prefettura dove hanno presentato i documenti della cassa integrazione in deroga firmata stamane.

Una soluzione, quella degli ammortizzatori sociali, bocciata dal sindacato Orsa, che l’ha definita un pannicello caldo, che tutela temporaneamente l’occupazione, ma è comunque una soluzione-tampone.

“Bisogna subito porre in essere tutte le azioni necessarie a scongiurare l’ennesimo dramma occupazionale che rischia di scattare alla data dell’1 febbraio

-dichiara Francesca Fusco, segretario di Orsa Servizi- se ci saranno ulteriori contrazioni di risorse da parte del Comune. Ci aspettiamo che diventi determinante il ruolo di tutte quelle istituzioni che il 31 dicembre scorso si sono impegnate affinché la vertenza Casa Serena si risolvesse nel migliore dei modi. Non è ammissibile -continua Fusco- che il commissario Croce continui a parlare due lingue, da un lato rassicurando i lavoratori al tavolo prefettizio e dall’altro propinando in extremis alla cooperativa Azione Sociale, che attualmente gestisce il servizio, un atto di sottomissione capestro che si traduce in massacro occupazionale. Useremo questo mese -conclude Francesca Fusco- per porre in essere ogni iniziativa che tuteli servizio e occupazione”.