Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Caltanissetta. Smantellata la famiglia mafiosa di San Cataldo

pattuglia-operazione-mobile
immagine di repertorio

Operazione della Polizia denominata Kalyroon. La Squadra Mobile di Caltanissetta ha arrestato  18 persone. Con una vasta operazione sono stati smantellati i vertici mafiosi della famiglia di San Cataldo. L’inchiesta, condotta dalla Polizia di Stato, è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta. Sono stati eseguiti 18 dei 20 provvedimenti emessi dal giudice per le indagini preliminari del tribunale nisseno, 12 dei quali in carcere e 6 ai domiciliari.

I reati contestati sono molteplici: associazione mafiosa aggravata, estorsioni, associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti nonché al favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, anche minorile.

Dalla Questura di Caltanissetta raccontano che: “gli investigatori della Squadra Mobile hanno arrestato complessivamente 18 persone, compreso l’attuale reggente del mandamento, con l’accusa di associazione mafiosa, aggravata dall’essere armata, traffico di stupefacenti, prostituzione anche minorile, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Le indagini, condotte anche con l’ausilio di intercettazioni e dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia, hanno consentito di ricostruire il traffico di stupefacenti, eroina e cocaina, gestito dalla cosca che serviva anche per mantenere le famiglie degli affiliati detenuti”.

La novità clamorosa per una famiglia mafiosa spiegano dalla Questura riguardano: “un giro di prostituzione, anche minorile, che alcuni componenti del clan avrebbero organizzato con la complicità dei due rumeni, che risultano ancora ricercati. Secondo le indagini, i due avrebbero reperito nel loro paese ragazze giovanissime che venivano poi fatte prostituire in alcune case d’appuntamenti del Nisseno”.

Gli arrestati sono Maurizio Calogero Di Vita, 46 anni; Antonio Domenico Cordato, 50 anni; Salvatore Cordaro, 53 anni; Alfonso Renato Lipari, 45 anni; Vincenzo Scalzo 42 anni; Cataldo Blandina 42 anni; Pietro Mulone, 40 anni; Angelo Giumento, 35 anni, tutti di San Cataldo.

Di Caltanissetta sono invece Gioacchino Chitè, di 55 anni; Carmelo Gisabella, di 49 anni e Vincenzo Ferrara, di 47 anni.

Anche alcuni stranieri sono stati coinvolti nell’operazione si tratta di Elis Deda, albanese di 33 anni, e dei rumeni sfuggiti alla catturaChiritoiu Diana, di anni 29 e Pirvanescu Adrian Daniel, di anni 33.

Gli arresti domiciliari sono scattati  per i sancataldesi  Marco Scalzo, 25; Salvatore Ferrara e Salvatore Cagninadi 48 e 39 anni. Domiciliari anche per Giovanni Germano Paladino detto Giovanni chiacchiera di 39 anni, Fabio Ferrara e Francesco Liuzza, di 38 e 43 anni.

Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.