#Caltanissetta. Il Prefetto Maria Teresa Cucinotta, a Palazzo del Carmine

CaltanissettaMaria Teresa Cucinotta, nuovo prtefetto di Caltanissetta si è recata al Comune, in visita istituzionale, per incontrare per la prima volta il sindaco del capoluogo nisseno, Giovanni Ruvolo.

La Cucinotta, accompagnata per l’occasione dalla vicaria Giuseppa Di Raimondo, è stata accolta a del Carmine oltre al sindaco e agli ssessori erano presenti anche la segretaria generale, Rita Antonella Lanzalaco, il comandante della Polizia Municipale, Maurizio Parisi, e il capo di gabinetto del Sindaco, Giuseppe Arcarese.

In tale contesto è stato rimarcato l’impegno da entrambe le istituzioni, in un quadro di leale

e proficua cooperazione, volto a favorire la risoluzione delle problematiche rappresentate, nonché a garantire la già efficace azione di coordinamento delle Forze dell’Ordine che, anche con il coinvolgimento della Polizia Municipale, sono impegnate quotidianamente nell’azione di prevenzione e di controllo del territorio a tutela della sicurezza del cittadino.

Maria Teresa Cucinotta, è arrivata a Caltanissetta il 5 gennaio a seguito del trasferimento, a Roma, del suo predecessore, Carmine Valente, presso il Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione con le funzioni di direttore centrale dei servizi civili per l’immigrazione e l’asilo.

Il sindaco Ruvolo, al termine dell’incontro, ha ringraziato la Cucinotta per l’attenzione prestata verso il territorio e l’incontro si è concluso nella massima cordialità reciproca e nella consapevolezza dell’inizio di un proficuo e costruttivo rapporto istituzionale.

mm

Armando Montalto

Tra la metà dei Novanta e i primi Duemila ha cambiato città, paese e occupazione con la rapidità di un colibrì. Insomma, questo quarantenne messinese, dopo aver fatto consegne a Canal Street, parlato in nome della UE, letto Saramago, tirato sassi sul Canal Saint Martin e bevuto fiumi di birra ha deciso. Tornare a casa, mettere su famiglia e la testa a posto. Oggi si divide tra libri, mare e famiglia. Intanto, prova a scrivere e a raccontare Messina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.