Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Calcio. Messina bello e cinico: 2-0 a Melfi e primo posto momentaneo

Melfi messina  7-11-2015Grande reazione del Messina dopo la battuta d’arresto della scorsa settimana: i peloritani si impongono per 2-0 a Melfi grazie alle reti di Barraco e Cocuzza. Partita senza storia, con il pubblico locale che ha abbandonato anzitempo le tribune.

Arturo Di Napoli opta per qualche cambio rispetto alla partita di Foggia. Berardi confermato ovviamente in porta, in difesa torna titolare Parisi al fianco di Martinelli, con Palumbo e De Vito sulle fasce. Al centrocampo ritroviamo Giorgione, Fornito e Baccolo, mentre in attacco Salvemini e Barraco affiancheranno Cocuzza, di nuovo dal primo minuto in campo. Nel Melfi di mister Palumbo occhio al reparto offensivo composto da Herrera e Lescano.

Al 6’ il Messina è subito in vantaggio. Cocuzza gestisce un buon pallone in area di rigore, serve all’indietro Barraco, che calcia di destro e infila l’incolpevole Santurro all’angolino ed è 1-0 per i peloritani.

Messina vicino al raddoppio al 14’ con Salvemini tutto solo in area calcia in diagonale verso la porta, la palla supera tutto lo specchio e arriva a Giorgione, che da posizione defilata calcia male e alto. Ottima occasione per i biancoscudati.

Al 37’ il Messina ancora in avanti: Barraco ben servito da Fornito al centro dell’area cicca clamorosamente il pallone del 2-0. Il Melfi non riesce a giocare contro questo Messina, padrone soprattutto del centrocampo. Al 41’ primo cambio per il Messina: fuori Baccolo, dentro Bramati. Cambio forzato per Di Napoli.

Inconsueti i cinque minuti di recupero dati nel primo tempo dall’arbitro Di Ruberto. Le interruzioni non giustificano sicuramente questo extra time. Finisce così il primo tempo, con il Messina meritatamente in vantaggio contro un Melfi disorganizzato e impreciso.

A inizio ripresa fuori Palumbo, già ammonito, dentro Frabotta. E’ il secondo cambio per il Messina. Allo scoccare del 56’ ci prova il Melfi con un’azione solitaria di Finazzi, ma il suo tiro è facile preda di Berardi.

Al 68’ ci riprova il Messina con Cocuzza: bella girata per l’attaccante peloritano, ma para senza problemi Santurro. Al 75’ il raddoppio del Messina: Cocuzza riceve il pallone al limite dell’area di rigore dopo uno scambio e calcia di prima intenzione verso la porta, Santurro, forse ingannato da una deviazione, liscia il pallone che si insacca alle sue spalle ed è 2-0 per il Messina.

Al 79’ terzo e ultimo cambio per il Messina: fuori Salvemini, dentro Padulano, di nuovo in campo dopo il brutto infortunio di Pagani.

Melfi in dieci uomini per l’infortunio di Herrera. I lucani non hanno più cambi a disposizione, quindi sono costretti a giocare gli ultimi minuti in inferiorità numerica. All’87’ la migliore occasione per il Melfi. Lescano, ben pescato in area di rigore, colpisce di testa ma il pallone va alto sopra la traversa. E’ la prima vera occasione per il Messina.

All’89’ Fornito ci prova in rovesciata, ma la palla finisce alta sopra la traversa difesa da Santurro. Belli e significativi gli applausi anche dei pochi tifosi del Melfi rimasti allo stadio.

Si chiude dopo quattro minuti di recupero il match di Melfi. Vittoria meritata per il Messina: i ragazzi di Di Napoli sono stati bravi a reagire dopo la sconfitta di Foggia e si preparano al meglio in vista del derby col Catania in programma domenica prossima al San Filippo alle 14.30. In attesa delle altre partite, il Messina torna in testa alla classifica grazie anche al pareggio del Foggia a Ischia questo pomeriggio.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.