Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Calcio. Messina-Akragas 1-1: a segno Cristaldi e Fornito

Messina-Akragas 12-11-2015 aTermina 1-1 il match tra Messina e Akragas: agrigentini in vantaggio al 10′ con il gol di Cristaldi, bravo a sfruttare l’errore di Parisi. Pareggio di Fornito dieci minuti più tardi su una splendida punizione dal limite.

Arturo Di Napoli è costretto ad effettuare qualche cambio viste le squalifiche di Giorgione e Baccolo a centrocampo: Berardi in porta, difesa confermata con Parisi e Burzigotti centrali, Martinelli e De Vito sulle fasce. In mediana troviamo Fornito e Zanini centrali, con Biondo e Padulano molto avanti sulle fasce, mente in attacco ritroviamo dal primo minuto Cocuzza e Leonetti.

Si rivedono, ma solo in panchina per ora, Gustavo e Diogo Tavares. Per la squadra agrigentina occhio all’esperto capitano Ciro Capuano, all’ex Savanarola e all’attaccante Vito Leonetti.

Allo scoccare del 10′ Akragas in vantaggio: Parisi sbaglia il retropassaggio verso Berardi, ne approfitta Cristaldi, che a tu per tu col portiere non sbaglia ed è 1-0 per gli agrigentini.

Al 20′ il pareggio del Messina: Fornito su calcio di punizione dai venticinque metri pennella all’angolino per il gol dell’1-1. Al 34′ Messina vicino al vantaggio con Leonetti che calcia dalla media distanza, il pallone arriva casualmente a Cocuzza che tutto solo davanti al portiere Vono spedisce il pallone alle stelle.

Messina-Akragas 12-11-2015 bAl 43′ si fa male proprio Cocuzza ed è costretto a uscire dal campo: addirittura il numero 10 peloritano non riesce ad appoggiare il piede destro a terra, al suo posto entra Gustavo, al rientro dopo il lungo infortunio.

Al 48′, nel terzo e ultimo minuto di recupero, Zibert ci prova per l’Akragas dal limite dell’area, palla a lato alla sinistra del palo di Berardi. Si chiude così il primo tempo. Match con poche occasioni, ben sfruttate da entrambe le squadre.

A inizio ripresa, al 6′, Martinelli viene ammonito: per lui scatta la squalifica e sarà assente dunque per la supersfida di Caserta di lunedì prossimo.

Al 10′ traversa clamorosa dell’Akragas, con Marino che da venti centimetri colpisce il legno senza riuscire a segnare dopo l’ennesimo calcio di punizione conquistato dagli agrigentini. Fase di difficoltà per il Messina.

Al 13′ secondo cambio per il Messina: fuori Biondo, dentro Barraco. Al quarto d’ora ci prova il Messina con Martinelli, che dalla distanza calcia col destro: palla larga sulla sinistra del portiere Vono. Venti minuti senza occasioni e il Messina al 35′ si gioca il terzo cambio: dentro Tavares dopo il lungo infortunio, fuori Leonetti.

Al 39′ ci prova Gustavo per il Messina, ma la palla è alta sopra la traversa. Al 42′ bella azione dell’agrigentino Madonia, che salta Martinelli e calcia verso la porta di Berardi, palla a lato.

Un minuto più tardi Barraco ci prova con un velleitario destro, ma la palla si spegne sul fondo. Non succede più nulla fino al fischio finale dell’arbitro. Un Messina stanco nel finale non riesce a trovare la vittoria, con l’Akragas apparso decisamente più lucido e più fluido nella manovra. Pareggio tutto sommato giusto. Il Messina sale a 22 punti e tornerà in campo lunedì alle 20 a Caserta contro la prima il classifica.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.