Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Calcio. Il patron Grasso presenta a Barcellona l’Igea Virtus

Domenico La Cava addetto stampa Peppe Raffaele allenatore Nino Grasso Presidente Roberto MATERIA sindaco Andrea Ravidà dirigente Benedetto Orti Tullo general manager
Da sinistra: Domenico La Cava, Peppe Raffaele, Nino Grasso, Roberto Materia, Andrea Ravidà e Benedetto Orti Tullo

Il presidente Nino Grasso ha presentato alla città l’Igea Virtus che affronterà il campionato Eccellenza 2015-2016. Presente anche il sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto Roberto Materia.

Il primo cittadino ha promesso “il massimo impegno da parte dell’Amministrazione comunale per le esigenze della società, ma in particolari per tutte le realtà sportive cittadine. Auguro a tutta la dirigenza di fare un campionato di alto

livello”.

Confermato l’allenatore Peppe Raffaele, fatto questo del quale il patron si è detto molto contento. Mister Raffaele ha ringraziato “il presidente Grasso per la stima dimostrata. Quest’anno abbiamo tutti gli ingredienti per fare un buon campionato”.

Ed ecco in dettaglio la squadra. Oltre al presidente Grasso, ci sono Andrea Torre e Andrea Ravidà (vicepresidenti), Mariano Giunta (segretario), Antonello Patanè (tesoriere), Marco De Pasquale, Salvatore Grasso, Enzo Parisi e Nino Recupero (consiglieri), Rosario Catalfamo (medico sociale), Benedetto Orti Tullo (general manager), Domenico La Cava (ufficio stampa), Puccio Rotella (fotografo ufficiale).

Per quanto riguarda lo staff tecnico, oltre all’allenatore Raffaele, Francesco Trimarchi (viceallenatore), Vincenzo Pirelli (preparatore portiere), Mario Pantè (allenatore juniores e fisioterapista), Sebastiano Maggio (osteopata), Pippo De Salvo (fisioterapista), Raffaele Morelli (magazziniere), Antonio Bucolo Fiorello (aiuto magazziniere).

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.