Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Bollo auto: quando va in prescrizione?

L'avvocato Antonio Tesoro
L’avvocato Antonio Tesoro

Il bollo auto è una tassa di possesso che deve essere pagata alle singole Regioni ed è dovuta da tutti i proprietari di auto e moto.

L’importo di tale tassa varia per ogni Regione ed è parametrata al tipo di veicolo ovvero anche dalla potenza del mezzo in chilowatt, tenendo conto anche di altri fattori.

Sovente il cittadino si chiede quando scatta la prescrizione per il bollo auto non pagato, in quanto, se prima tale tassa era una “tassa di circolazione“ e obbligava tutti al pagamento in quanto era mettere in circolazione un veicolo, da quando è stata trasformata in “tassa di possesso“ complice anche la crisi molti cittadini non lo pagano.

La norma di riferimento in merito alla prescrizione del bollo auto è l’articolo 5 del D.l.953/82, così come modificato dall’art.3 del D.l. 2/86 convertito nella legge 60/86 che prevede sia per l’attività di accertamento che per quella di riscossione un diritto di recupero della tassa di possesso pari a tre anni.

In particolare, ai fini del calcolo della prescrizione, si deve tenere presente che il termine triennale inizierà a decorrere dall’anno successivo a quello in cui era previsto il pagamento. Ad esempio, per il bollo da pagare entro gennaio 2011, questo andrà incontro a prescrizione il terzo anno successivo a quello in cui era previsto il pagamento e cioè dal 2015.

Naturalmente, il suddetto ragionamento resterà valido e la prescrizione maturerà qualora non sia interrotta nel triennio da eventuali notifiche di solleciti di pagamento, avvisi di accertamento e/o cartelle esattoriali, fermo restando anche le eventuali proroghe che potrebbero essere decise a livello nazionale, che come già accaduto con la finanziaria del 2004 che, di fatto, ha prorogato i termini di prescrizione dal 25.11.03 al 31.12.05.

Pertanto, qualora si dovesse ricevere una notifica di un atto riferito al mancato pagamento del bollo auto e che si ritiene prescritto, sarà possibile presentare ricorso innanzi alla Commissione Tributaria competente anche senza l’ausilio di un avvocato, per far valere la prescrizione e far annullare l’atto ricevuto.

Per contattare l’avv. Antonio Tesoro potete scrivere alla seguente e-mail: studiolegale@antoniotesoro.it o visitare il sito www.antoniotesoro.it

Antonio Tesoro

Avvocato civilista, esperto di diritto delle nuove tecnologie del web, appassionato ed ex praticante di arti marziali, adora la musica e ogni tanto abbraccia una delle sue numerose chitarre. Su Sicilians cura la rubrica Leggi&cavilli, ma non gli dispiacciono le incursioni in altri settori. Raffinato gourmet, disdegna Masterchef Italia e sogna l'edizione statunitense.