Basilio Ridolfo lascia la segreteria provinciale del PD di Messina

Basilio Ridolfo, segretario provinciale PD Messina

In un primo momento le ha negate, poi ha ceduto e ai rumors sono seguiti i fatti.

Basilio Ridolfo, segretario provinciale del Partito Democratico di Messina ha rassegnato le proprie dimissioni.

Frutto dell’accordo tra i genovesiani di ferro e tutte le altre anime del PD (renziani, area Pittella e area Cuperlo più altri in ordine sparso), a memoria d’uomo la gestione di Ridolfo è stata una delle più tormentate.

Dimissioni con effetto immediato, come scrive al segretario regionale Fausto Raciti, le cui ragioni sarebbero “di natura squisitamente politica e derivanti unicamente dalla circostanza che le componenti che si richiamano alle posizioni di Cuperlo e Renzi, inizialmente

sottoscrittrici dell’accordo unitario che aveva consentito l’elezione unanime, hanno ritenuto superato tale accordo al pari della componente che si riconosce nelle posizioni di Civati, che però non aveva aderito al medesimo accordo iniziale”.

Da Statuto Ridolfo potrebbe non lasciare la poltrona ma, come non manca di sottolineare nella lettera a Raciti, “avendo assunto sin da principio l’impegno di essere il segretario unitario non posso, per evidenti ragioni di correttezza, derogare a tale impostazione.

Sono stato eletto non già dalla maggioranza del partito, condizione questa che mi consentirebbe di rimanere anche a fronte degli attuali disimpegni, ma dall’interezza del partito e dunque è giusto prendere atto del mutato quadro di riferimento”.

Inevitabile adesso il commissariamento anche della segreteria provinciale, mentre per quella di Messina si sprecano parole, promesse e lotte neanche troppo sotterranee, che però non hanno ancora portato a nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *