Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Barcellona. “Vuoi il mio posto? Prendi il mio handicap”

DisabiliSensibilizzare la città al rispetto delle regole, avendo riguardo per le esigenze delle persone disabili. Questo è l’obiettivo del progetto “Vuoi il mio posto? Prendi il mio handicap”, presentato nei giorni scorsi nella sala conferenze dell’auditorium del parco Maggiore Giuseppe La Rosa di Barcellona. A promuovere l’iniziativa le associazioni Genius Loci, che promuove eventi culturali per la salvaguardia dell’ambiente, e Crescere Insieme, che segue bambini e ragazzi disabili, con il patrocinio del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto. Ad aprire i lavori del convegno il coordinatore di Genius Loci Bernardo Dell’Aglio, che ha dichiarato: “L’associazione, fondata nel  2007 non si occupa di disabilità, ma di salvaguardia e tutela dell’ambiente. L’iniziativa che abbiamo promosso prevede l’installazione di 12 pannelli dislocati in alcune zone della città. Intendiamo così rappresentare una provocazione con la finalità di sensibilizzare anche un solo cittadino”. Nel

corso della serata il pubblico ha assistito alla proiezione del video “Aiutateci a rendere la nostra vita senza ostacoli” interpretato da Ivan Bertolami.

A seguire, il vicepresidente di Crescere Insieme Luciano Bonina, ha puntualizzato che “le associazioni non possono sostituire i compiti istituzionali, invitando l’Amministrazione Comunale a impegnarsi maggiormente affinché questo impulso sia forte. L’incontro si è concluso con l’intervento del sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto Roberto Materia. “In Italia mancano le risorse economiche mentre all’estero la situazione è molto diversa -ha sottolineato. Conosco bene la realtà del volontariato, un campo che mi rende più responsabile e nutro preoccupazione per il futuro delle associazioni, prive degli interventi dei privati a sostegno di queste realtà. L’amministrazione da sola non riesce a farcela -ha aggiunto Materia. Il progetto immediato a cui stiamo lavorando è la realizzazione nel tratto di spiaggia di fronte alla sede dell’associazione Crescere Insieme di un lido attrezzato per disabili, augurandomi che l’apertura possa avvenire già dal 1° luglio”.