Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Barcellona. Torna a nuova vita l’aiuola in via Barcellona – Castroreale

Aiuola Barcellona 24-12-2015 dLa mano del privato per difendere e valorizzare luoghi d’interesse pubblico. Nella città del Longano sta diventando una piacevole prassi e così stamane è tornata a nuova vita l’aiuola in via Barcellona-Castroreale.

Il tutto è stato possibile grazie all’iniziativa dei fratelli Dario e Filippo Jannelli, che nei giorni scorsi hanno siglato un accordo di collaborazione e sponsorizzazione per interventi di riqualificazione della zona.

I fratelli Jannelli hanno provveduto agli interventi di scerbatura e pulizia di tutta la zona. Un gesto simbolico quello dei fratelli Jannelli, ma tangibile. Un modo per diventare parte attiva della gestione dei beni comuni della città, che devono essere percepiti come una cosa di tutti e quindi da tutti devono essere difesi e curati.

L’aiuola, presenti gli assessori Angelo Paride Pino, Ilenia Torre, Gianluca Sidoti e Angelo Coppolino, oltre a diversi cittadini, è stata benedetta da padre Josef Ellul.”Iniziativa lodevole -ha dichiarato l’assessore Pino- eper la quale ringraziamo lo Studio Jannelli. Speriamo che sia di esempio per tutti, perché adottare aree verdi da riqualificare rientra in un percorso comune e condiviso di valorizzazione della nostra città”.

 

 

#Barcellona. Torna a nuova vita l’aiuola in via Barcellona – Castroreale
#Barcellona. Torna a nuova vita l’aiuola in via Barcellona – Castroreale
#Barcellona. Torna a nuova vita l’aiuola in via Barcellona – Castroreale
#Barcellona. Torna a nuova vita l’aiuola in via Barcellona – Castroreale
#Barcellona. Torna a nuova vita l’aiuola in via Barcellona – Castroreale
#Barcellona. Torna a nuova vita l’aiuola in via Barcellona – Castroreale

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.