Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Barcellona PG, quando piove entrare alla scuola Cannistrà è un’odissea

L’ingresso dell’istituto quando piove

MESSINA. Quando piove entrare a scuola è un’odissea. Come accade ogni volta che a Barcellona Pozzo di Gotto piove, la pioggia porta una serie di problemi agli studenti, ai docenti e al personale tutto della scuola Cannistrà di via Umberto I. Quando in città si registrano condizioni meteorologiche avverse, poter entrare e uscire dall’istituto è davvero un’odissea. A chi deve entrare a scuola quando piove non resta che farsi il segno della croce e sperare in un intervento divino. Insegnanti, alunni e personale scolastico devono fare i conti con la piscina che si viene a formare sulla dissestata strada d’ingresso dell’istituto scolastico. Riuscire ad entrare a scuola comporta, infatti, il difficile attraversamento della piscina che, passandoci in mezzo, in molti finiscono per farsi il bagno. Se si è fortunati, si riesce ad entrare in classe con qualche schizzo d’acqua e fango sparsi qua e là sui vestiti. Numerosi i solleciti fatti arrivare al comune per cercare di risolvere la problematic, ma nessuno è ancora intervenuto per risolvere un problema risolvibile nel breve raggio di poche ore. Solo tante promesse e nessun intervento concreto, così come sta accadendo ultimamente con l’attuale amministrazione comunale.

Barcellona PG, quando piove entrare alla scuola Cannistrà è un’odissea
Barcellona PG, quando piove entrare alla scuola Cannistrà è un’odissea

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.