Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Barcellona PG – Pubblicato sul sito del comune il bando “Disegna la tua panchina”

L’amministrazione comunale di Barcellona Pozzo di Gotto, su input dell’assessore alla cultura Viviana Dottore, ha pubblicato il bando di concorso denominato “Disegna la tua panchina”. L’obiettivo primario dell’iniziativa è quello di proporre agli appassionati di disegno di elaborare progetti grafici per la decorazione di panchine letterarie che saranno posizionate in città. Totalmente gratuita ed aperta a tutti la partecipazione al concorso, anche non residente nel comune di Barcellona Pozzo di Gotto, ne abbia interesse purché abbia compiuto il 18° anno di età alla data di scadenza dello stesso bando. “Vorrei che il bando venisse letto come una possibilità per creare, immaginare, fantasticare – dichiara l’assessore Dottore – .
Questo bando l’ho pensato proprio così, come quell’appuntamento con l’amico, il compagno di

scuola, la fidanzata, fissato per comprare o uscire dai vecchi astucci una miriade di colori e disegnare. Mettere insieme arte, estro, fantasia, cultura e soprattutto amore verso questa città che, benché martoriata dalle sue infinite criticità, ha bisogno anche di pensarsi e farsi vedere bella.
È un appuntamento per tutti, ed è stato reso tale appositamente, senza requisiti minimi di partecipazione legati alla professione o alle competenze. L’iniziativa prende spunto dall’idea londinese delle panchine letterarie, tra l’altro le prime in tutta Europa, per far sì che la nostra Barcellona possa avere delle sedute particolari ideate da chi in pomeriggi al mare con gli amici o da solo ha pensato ad un artista, uno storico, un poeta e ne è rimasto irrimediabilmente colpito e stupito tanto da disegnarlo nella sua panchina“.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.