Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Barcellona PG, il grido dall’allarme dei residenti di Sant’Antonio Abate: “l’amministrazione Materia ci ha abbandonato”

I rappresentanti del comitato spontaneo “Percorso Evolutivo”, costituito quasi un anno fa, tornano a far sentire la loro voce per denunciare lo stato di abbandono e degrado nel quale versa il quartiere di Sant’Antonio Abate. Un comitato che si è sempre impegnato nella pulizia del quartiere, tagliando le erbacce e rimuovendo i rifiuti che occupavano il marciapiede e diverse vie.
Tuttavia, negli ultimi mesi, il comitato non riesce più a fronteggiare la situazione di degrado e abbandono che si fa giorno dopo giorno sempre più evidente. <<Tutti nel quartiere si sentono abbandonati dall’amministrazione comunale – dichiarano i membri del comitato-. Da svariati mesi non si vedono opere di pulizia da parte degli operatori della Dusty, ed è proprio allo scopo di ottenere un intervento immediato che abbiamo inviato una segnalazione all’URP, con tanto di foto allegate, rappresentando l’incuria del territorio.
Il quartiere spera di ottenere una veloce risposta, con i necessari interventi di pulizia e messa in sicurezza>>.

Barcellona PG, il grido dall’allarme dei residenti di Sant’Antonio Abate: “l’amministrazione Materia ci ha abbandonato”
Barcellona PG, il grido dall’allarme dei residenti di Sant’Antonio Abate: “l’amministrazione Materia ci ha abbandonato”
Barcellona PG, il grido dall’allarme dei residenti di Sant’Antonio Abate: “l’amministrazione Materia ci ha abbandonato”
Barcellona PG, il grido dall’allarme dei residenti di Sant’Antonio Abate: “l’amministrazione Materia ci ha abbandonato”

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.