Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Barcellona PG – Da lunedì tornano in classe gli alunni fino alla prima classe della scuola secondaria di primo grado

Lunedì ritornano le lezioni in presenza per gli alunni fino alla prima classe della scuola secondaria di primo grado, con la didattica a distanza che continua  per le seconde e terze  e per le scuole secondarie di secondo grado. Il sindaco Pinuccio Calabrò, ricevuto il parere da parte delle autorità sanitarie competenti, non ha firmato nessuna ordinanza, dunque le lezioni riprendono con le governative nazionali. I dati sul trend della diffusione epidemiologica lasciano comunque ben sperare, il numero dei casi positivi al tampone molecolare (7/4/2021 – 14/4/2021) non supera l’indice cumulativo settimanale previsto per Barcellona P.G. in base al numero degli abitanti (parametro previsto dal D.L. del Governo Draghi n.44 del 1.4.2021 che determinare le scelte del Presidente della Regione,

250 casi ogni 100 mila abitanti), quindi, stando alla normativa vigente, è molto probabile l’imminente cessazione della zona rossa.
“Un ultimo sforzo, dunque, è necessario in questo fine settimana – dichiara il sindaco-; lo dobbiamo a noi stessi, alle nostre famiglie ed anche ai nostri commercianti – che sono quelli che più di ogni altro stanno subendo gli effetti della pandemia – i quali potranno riaprire i loro esercizi.
Anche dopo, tuttavia, non dovremo abbassare la guardia, perché la battaglia continua senza tregua; la campagna vaccinale certamente ci darà più sicurezza e maggiori spazi di libertà, ma ancora il nemico non è definitivamente sconfitto e dobbiamo continuare ad applicare le misure individuali di prevenzione che tutti abbiamo imparato a conoscere bene: mascherine, distanziamento e igiene continua delle mani”.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.