Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Barcellona. Nominati i responsabili comunali del Teatro Mandanici

Nominati con la determina 53 del 26 ottobre i nuovi responsabili e assistenti intersettoriali del Teatro Placido Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto. I dipendenti di Palazzo Longano selezionati dall’amministrazione Materia lavoreranno nell’Ufficio Teatro Mandanici Barcellona 1Gestione del Teatro Mandanici, con il compito “di assicurare l’istruttoria e il perfezionamento di tutti i procedimenti amministrativi necessari per la realizzazione delle iniziative artistico-culturali, secondo i programmi che saranno definiti nelle prossime settimane”.

L’Ufficio sarà costituito da Salvatore Longo (istruttore direttivo), Rosalia Castrovinci (istruttore direttivo part-time), Annamaria Puliafito (istruttore), Maria Cristina Zanghì (istruttore part-time), Antonio Cautela

(esecutore), Rosaria Calderone (esecutore) e Antonella Bucca (operatore part-time).

L’amministrazione Materia ha assegnato al segretario generale Santi Alligo il coordinamento e la direzione dell’Ufficio Teatro Mandanici e degli altri settori che direttamente o indirettamente riceveranno di volta in volta l’incarico di prestare attività logistiche di supporto.

In dettaglio, la dirigenza del IV Settore provvederà a costituire l’ufficio che si occuperà della biglietteria del teatro, il VI settore l’ufficio che curerà la manutenzione ordinaria e straordinaria, la vigilanza e la custodia e l’assistenza tecnica, tecnologica e fonica, il VII Settore l’ufficio che provvederà alla manutenzione degli spazi esterni del Mandanici.

La determina incarica inoltre il comandante della Polizia Municipale di prestare l’assistenza necessaria nelle manifestazioni che si organizzeranno.

 

 

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.