Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Barcellona. Intimidazioni all’assessore Coppolino, la solidarietà del sindaco

Angelo Coppolino
Angelo Coppolino

Intimidazioni nei confronti dell‘assessore Angelo Coppolino. La notte scorsa ignoti hanno sparato alcuni colpi di arma da fuoco contro la sua auto.

“L’episodio desta stupore e sconcerto poiché appare come intimidatorio e minaccioso nei confronti di un componente della Giunta che si contraddistingue per limpidezza comportamentale, onestà e lealtà nelle attività che svolge nell’esercizio del suo mandato, non disgiunte da doti umane che lo rendono persona stimata nel contesto sociale -ha commentato il sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto Roberto Materia”.

La Giunta di Palazzo Longano si è riunita alle 16 di oggi per  dimostrare la propria solidarietà all’assessore Coppolino. “Valutato l’accaduto in tutta la sua gravità e ritenutolo lesivo anche dell’immagine della Città e di questa Amministrazione che la rappresenta -si legge in una nota dell’esecutivo- la Giunta ha adottato la deliberazione n. 296 con la quale, nell’esprimere ogni ampia e profonda solidarietà all’assessore Coppolino, ha riaffermato che non si lascia condizionare nel suo operato, libera e sostenuta da forti principi morali fondati sulla onestà e sensibilità verso il bene comune, che intende perseguire con costanza, impegno e spirito di servizio. L’Amministrazione non si lascia intimidire da siffatti inquietanti episodi, espressione di viltà criminale, continuando ad agire per la compiuta affermazione dei principi di libertà e legalità”.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.