#Barcellona. Il consigliere Pino chiede trasparenza per i lavori d’Aula

Angelita Pino, consigliere Gruppo Misto
Angelita Pino, consigliere Gruppo Misto

La mozione per inserire nel portale web di Palazzo Longano uno spazio dedicato ai lavori del Consiglio comunale di Barcellona Pozzo di Gotto è stata approvata durante l’amministrazione Colica, ma non è mai stata attuata. A rispolverarla ci ha pensato il consigliere comunale del Gruppo Misto Angelita Pino, che in un’interrogazione al sindaco Roberto Materia ha chiesto l’attivazione immediata dell’atto approvato dall’Aula.

La mozione prevede una pagina tematica dedicata a ordini del giorno, interrogazioni, mozioni, emendamenti e simili e alle risposte dell’amministrazione.

“L’iniziativa rappresenta innegabilmente un forte strumento di democrazia

e integrerebbe quell’indefettibile principio di trasparenza dell’agere amministrativo, troppo spesso citato ma raramente attuato, com’è infatti avvenuto all’indomani dell’ultima seduta consiliare concernente l’aumento delle tariffe TARI –scrive il consigliere Pino.

I barcellonesi, compresi quelli residenti all’estero, potrebbero in questo modo avere l’opportunità di partecipare attivamente all’attività amministrativa ed essere informati attraverso il sito web sul comportamento dei loro rappresentanti nei lavori d’aula, che sarebbero portati a selezionare gli interventi, limitandoli a quelli di stringente interesse per la cittadinanza”.

La mozione era stata approvata all’unanimità e la Pino ha verificato personalmente che l’atto è tecnicamente e giuridicamente fattibile. A confermarlo anche il segretario Ribaudo e l’addetto al servizio CED, le cui dichiarazioni sono trascritte nei verbali della I Commissione. In passato anche l’ex consigliere Mariano Bucolo presentò un’interrogazione sullo stesso argomento.

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *