Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Barcellona. Furto, proiettili nascosti e droga: 2 arresti e 2 denunce

Foto d'archivio
Foto d’archivio

Controlli serrati dei carabinieri della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto che hanno portato a due arresti e due denunce. Ieri i militari dell’Arma sono stati impegnati in un servizio straordinario che dopo perquisizioni domiciliari e sequestri ha portato all’arresto di due persone e alla denuncia a piede libero di un’altra. Nel corso delle operazioni è stata arrestata una donna, A. P., classe 1976, residente a Barcellona Pozzo di Gotto, per furto aggravato di energia elettrica, avendo realizzato un allacciamento abusivo alla rete elettrica. Sempre ieri mattina è stato arrestato anche A. A., classe 1978, residente a Barcellona Pozzo di Gotto, sottoposto alla misura di sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, per una serie di violazioni alla misura cui era sottoposto.

Le attività di polizia giudiziaria si sono concentrate a Barcellona, dove i militari della

Stazione del Longano, del Nucleo Operativo e del Nucleo Cinofili di Nicolosi, in provincia di Catania, hanno eseguito diverse perquisizioni domiciliari. Il fiuto dei cani anti-esplosivo dei Carabinieri ha consentito il rinvenimento di numerose munizioni, sapientemente occultate in alcuni fori ricavati nei muri delle palazzine controllate. In totale, sono stati rinvenuti e sequestrati quasi un centinaio di proiettili di diverso calibro (calibro 7.65, 9, 38 special e 9X21). Dopo le perquisizioni eseguite con il supporto dei cani antidroga è stato denunciato a piede libero un 50enne pregiudicato, che è stato trovato in possesso di circa 2 grammi di marijuana, 50 semi di canapa indica, 4,5 grammi di hashish, oltre ad un bilancino di precisione e ad altro materiale per il confezionamento di dosi della droga. Un 36enne è stato trovato in possesso di una piantina di marijuana ed è stato segnalato alla Prefettura di Messina.

Dopo le formalità di rito gli arrestati sono stati condotti nelle proprie abitazioni ai domiciliari, così come disposto dal sostituto procuratore della Repubblica Federica Paiola.