Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Barcellona. Cambio della guardia al Comando Carabinieri

Il capitano Valletta e il tenente Putortì
Il capitano Valletta e il tenente Putortì

“Auguro buon lavoro al tenente Putortì, persona giovane ma preparata e motivata”. Con queste parole il capitano Fabio Valletta ha dato il benvenuto al tenente Annamaria Putortì, trasferita a Barcellona Pozzo di Gotto nell’ambito degli avvicendamenti degli ufficiali dei Carabinieri. Il tenente Putortì è stata inviata nella città del Longano in qualità di comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile. Classe 1989, proviene dalla Scuola Marescialli di Velletri, dove era comandante di plotone. “”So che questo è un contesto difficile nel quale

operare -ha dichiarato il neo comandante del NORM- ma spero di dare un contributo significativo alla lotta alla criminalità organizzata”.

Il tenente Putortì è subentrata al tenente Luca Geminale, che dopo tre anni intensi e ricchi di soddisfazioni professionali, lascia Barcellona Pozzo di Gotto per andare ad assumere il comando della Compagnia Carabinieri di Eboli, in provincia di Salerno. “Nel corso della sua permanenza -si legge in una nota del Comando provinciale Carabinieri di Messina- il tenente Geminale si è ottimamente distinto per le grandi capacità investigative tese, in particolar modo, a contrastare la consorteria mafiosa barcellonese e le sue diramazioni territoriali. Durante il suo periodo sono state concluse le brillanti operazioni antimafia Gotha V, Gotha 5 bis, Gotha 5 ter e Gotha 5 quater”.

 

 

 

#Barcellona. Cambio della guardia al Comando Carabinieri
#Barcellona. Cambio della guardia al Comando Carabinieri

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.