Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Barcellona. Alluvione, Pino: “Dal 2011 attendiamo interventi sul territorio”

L'assessore Angelo Pino
L’assessore Angelo Pino

Ripristinato ieri sera il passaggio sul ponte di Cicerata, che collega Barcellona con Milazzo così come anticipato su Sicilians dall’assessore Angelo Pino, che dichiara: “Gli eventi degli ultimi giorni sono fenomeni costanti, quindi il Governo Renzi e il Governo Crocetta devono avere come priorità la messa in sicurezza dei territori.

Diversamente, si mette a rischio la vita di migliaia di persone. Dall’alluvione del novembre 2011 Barcellona attende interventi e adesso ci auguriamo che il Genio Civile e la Protezione Civile, che sono gli organi preposti, si attivino finalmente affinché si possano apportare tutti quegli interventi utili e indispensabili per la salvaguardia

del nostro comprensorio”.

Per quanto riguarda l’alluvione del 10 ottobre scorso, Pino aggiunge che “la criticità assoluta è ormai superata. Anche la via Salso, una delle più colpite, ieri era già stata quasi del tutto ripulita, anche se i lavori da effettuare sono ancora tanti. L’amministrazione continuerà a dare il proprio contributo giornalmente”.

Per l’ingegnere Celi della ex Provincia Regionale di Messina, il ponte di Cicerata non presenta problematiche tali da destare preoccupazione.

Aggiornamento 11.02

Nonostante l’apertura avvenuta ieri sera, in questo momento il ponte di Cicerata è stato momentaneamente chiuso per consentire agli operai di intervenire e  di concludere il lavoro di ripristino. Il ponte sarà riaperto entro mezzogiorno.

Aggiornamento 14.10

E’ stato riaperto verso le ore 13:45 il Ponte di Cicerata. Nuovamente consentito il transito. Si consiglia in ogni caso di procedere con cautela.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.